Diffusa un po’ in tutto l’emisfero nord, la pianta di camomilla ama terreni assolati, aridi ed incolti, nei quali raccoglie l’asprezza della madre terra e il calore del sole.

Pur essendo stata la pianta di Horus per gli antichi Egiziani, la camomilla prende il nome botanico di matricaria, dal latino matrix, ossi utero in quanto pianta che si prende cura in modo materno degli arbusti più deboli ed indifesi. La natura protettiva della camomilla la associa alla maternità lunare e all’accoglienza tipicamente femminile.

Il suo profumo, erbaceo ma dolce ed avvolgente, ci porta calma e rilassamento; non bisogna però esagerare nel suo utilizzo perché altrimenti diventa stimolante ed energizzante. Agisce sulla rabbia calmandola, sulla tensione nervosa favorendo il sonno. L’olio essenziale di camomilla viene spesso impiegato nei trattamenti cutanei ed estetici per la sue grandi qualità lenitive e antiflogistiche; riduce il rossore nel caso di scottature, ustioni solari, punture di insetti ecc…

Esercita una profonda attività antidepressiva e rinvigorente del sistema neuro vegetativo.

L’olio essenziale di camomilla si può trovare nel bio.aroma myFiori.

Dott. Alessandro Gornati

Join event