L’equilibrio dinamico emozionale

Il nostro essere psico-fisico si regge sull’equilibrio dinamico tra vettori emozionali differenti che devono continuare a fluire per evitare di farci precipitare in gravi distonie emotive. Le emozioni devono scorrere, per poter garantire la salute dell’individuo

Ricordate le prime esperienze da ciclista, le vostre o quelle di vostro figlio? Il piccolino che, tolte le rotelle, si trova autonomamente a confronto con i vettori della forza gravitazionale, e che dopo vari tentativi, riesce a vincere pedalando e barcollando. La meraviglia di vederlo in equilibrio su due ruote, dopo aver temuto per la sua incolumità. Quello è un esempio di equilibrio dinamico, infatti, da fermo il piccolo cade (come anche un adulto se non è un esperto pistart). Il nostro essere psico-fisico si regge sull’equilibrio dinamico tra vettori emozionali differenti che devono continuare a fluire per evitare di farci precipitare in gravi distonie emotive. Le emozioni devono scorrere, per poter garantire la salute dell’individuo. Di tutto ciò tratta la Medicina Tradizionale Cinese, che rappresenta il fluire delle emozioni attraverso il simbolo grafico del TAO e la disposizione circolare degli elementi che caratterizzano i movimenti emozionali. Il Fuoco, la Terra, il Metallo, l’Acqua e il Legno che simboleggiano rispettivamente, la Gioia e l’Euforia, la Riflessione e il Dubbio, la Libertà e la Tristezza, la Saggezza e la Paura, il Coraggio e la Rabbia. Sempre nel bambino possiamo osservare come il suo equilibrio dinamico emozionale sia saldo; egli passa dalla gioia del gioco, alla rabbia, al pianto, all’elaborazione mentale, per poi tornare ad una condizione … continua a leggere


Join event